Blog

Le nuove Prospettive di Workspace legate all’introduzione dell’AI

Più di 15 anni fa, Google ha introdotto una nuova visione del modo di lavorare, realizzando i primi editor di testo cloud-native: tutto ciò che serviva era un semplice browser, ed ovviamente una connessione di rete, per rendere accessibile alle persone un nuovo mondo di possibilità per creare contenuti e collaborare su documenti online avanzati. 

Ora, la nuova evoluzione della collaborazione in tempo reale, che guarda intensamente al mondo tecnologico dell’AI apre quotidianamente nuove porte e strade ad utenti in tutto il mondo, desiderosi di sviluppare nuovi modi e opportunità per sviluppare le proprie conoscenze, operatività e risultati.

Ecco quindi che grazie alla futura possibilità di utilizzare l’AI nelle sue molteplici forme insieme con Workspace, le aziende potranno estendere i confini della propria produzione, sviluppando nuovi contenuti, informazioni e dati attraverso modelli di AI personalizzati, abilitando flussi di lavoro di nuova generazione ed integrandoli rispettivamente in Documenti, Gmail e tutte le altre app Workspace principali.

Come sta impattando quindi, il nuovo corso AI Oriented di Google sul mondo del lavoro?

Nel corso dell’ultimo anno sono state rese disponibili un numero cospicuo di nuove funzionalità e miglioramenti per Google Workspace e Gemini per Workspace, in seguito al rilascio della stessa AI.

Queste novità dunque, oltre a naturalmente rivoluzionare lo scenario di mercato ed operativo di un’infinità di realtà in tutto il mondo, hanno fatto riscontrare un impatto concreto: 

  • Ben oltre il 70% circa degli utenti aziendali che utilizzano quotidianamente Workspace si sono affidati al contributo offertogli dall’intelligenza artificiale. (tramite ad esempio la funzione “Aiutami a scrivere” in Documenti e Gmail, o attraverso i suggerimenti intelligenti proposti da Gemini stessa) 
  • Altresì, più del 75% degli utenti che crea immagini ed illustrazioni grazie all’intelligenza artificiale, ha ammesso il suo utilizzo integrato direttamente all’interno di Presentazioni stessa, sfruttando le funzionalità creative interne che Gemini mette a disposizione.

Pertanto, indipendentemente dalla tipologia di settore a cui appartengono gli utenti l’intelligenza artificiale di Google integrata alla collaborazione e alla riorganizzazione dei processi sta fornendo un importante contributo attivo nel generare risultati efficienti, concreti e capaci di sviluppare contemporaneamente nuove competenze tanto quanto performance di qualità.

Cosa ci riserva il prossimo futuro? AI Meetings and Messaging & AI Security

Il supporto nell’elaborazione di contenuti testuali è l’ambito dove fino ad ora l’intelligenza artificiale generativa ha offerto maggiori proposte, capaci di colpire sicuramente l’utente dal punto di vista del funzionamento e dei risultati.

All’interno di Workspace vi sono poi ovviamente tante possibili applicazioni che possono potenzialmente beneficiare ora e in futuro, di un contributo di questo tipo.

Ecco perché quindi funzionalità già esistenti o annunciate ed in fase di sviluppo come Prendi appunti per me e Traduci per me rappresentano una risposta e una soluzione importante alle esigenze quotidiane degli utenti di tutto il mondo, aumentando ancora il potenziale impatto dell’AI nel modo di lavorare. 

Tramite il pacchetto di novità denominato AI Meetings and Messaging di prossimo rilascio nel mese di giugno per Gemini for Workspace, si  potranno infatti abbattere barriere culturali legate alla lingua straniera, all’interno di Meet e non solo, e saremo anche agevolati nella raccolta di appunti in modo automatico, senza perdere quindi il filo del discorso e le nozioni importanti trasmesse in diretta perché impegnati a scrivere.

Come fatto sapere direttamente da Google, si tratterà di un piano di novità introdotte in modo periodico e che seguiranno il modello degli add-on, diventano disponibili con l’aggiunta di un costo di $10 al mese per utente sulla propria licenza in essere, (circa 9 euro extra), a fronte tuttavia di un enorme guadagno in termini di tempo, risorse e collaborazione agevolate quotidianamente, anche tra utenti internazionali.

Complessivamente, quindi, l’AI sta già chiaramente cambiando il nostro modo di lavorare, in particolare con Workspace, come dimostrato dai dati e dall’ampio apprezzamento dimostrato, a cui fa seguito un innegabile curiosità e attesa di vedere i prossimi sviluppi e  risultati con cui questa nuova tecnologia saprà sorprenderci.